Studio Legale

Avv. Ugo Di Pietro


PRESENTAZIONE

Il modello familiare, così come originariamente strutturato e costituito, ha subito, nel corso dei secoli, stravolgimenti e modifiche, frutto, evidentemente, della continua evoluzione della società, dei suoi meccanismi, delle esigenze e dei bisogni di ciascuno di noi, delle mentalità e delle intelligenze. Difatti si è passati da un tipo di famiglia “patriarcale”, basata sulla coesione del cosiddetto gruppo, dominato e retto dal pater familias, dove la componente femminile rivestiva un ruolo marginale e subalterno, transitando da un livello intermedio di concezione familiare più ristretto e compresso, fino ad arrivare all’attuale modello di famiglia, essenziale nelle sue componenti, rivalutando certamente il ruolo della presenza femminile, ma con problematiche ben più complesse ed articolate, con nuovi desideri ed altre aspirazioni.

Sebbene il nuovo assetto familiare abbia garantito una nuova e più moderna concezione e valutazione della donna nella dinamica dei rapporti interpersonali e sociali, parimenti, i nuovi parametri infrastrutturali e le accresciute ed innovate esigenze personali, insieme ad un obiettivo svilimento della concezione etica e morale della persona, hanno generato e diffuso molteplici e complesse problematiche che, giocoforza, hanno determinato una vera e propria situazione di crisi nell’ambito familiare.

Si pensi, ad esempio, agli odierni articolati rapporti patrimoniali, alle problematiche connesse alla precarietà dei rapporti di lavoro, al caro vita, al problema della casa, al difficile rapporto tra genitori e figli, alla mancanza di dialogo, all’incredibile numero di separazioni e divorzi, alle problematiche familiari con riferimento ai portatori di handicap, alla carente assistenza dei malati lungodegenti nell’ambito familiare, al complicatissimo e rarissimo reinserimento nel mondo del lavoro degli ex detenuti, alla formazione professionale dei reclusi nelle carceri minorili, tutto ciò ha causato un irreversibile guasto all’interno del nucleo domestico che, sempre di più, allontana e divide degenerando in un pericoloso ed irreversibile cronicismo.

In tal senso, la società attuale ha accumulato troppi ritardi e grosse inefficienze, per l’assenza di una seria politica di programmazione e di prevenzione, che ha permesso l’inasprimento ed il peggioramento dei rapporti familiari. L’evoluzione e l’irrefrenabile mutamento delle problematiche familiari non hanno trovato un’adeguata risposta politico - istituzionale capace di capire e di rispondere alle diverse esigenze che si sono determinate nel corso degli ultimi anni, sia per il mutamento e le trasformazioni di natura sociologica che, come detto, ha subito la “famiglia” di tipo tradizionale, sia per un certo senso di allontanamento dai cosiddetti “valori di riferimento” che, da sempre, hanno caratterizzato e catalizzato le aggregazioni familiari sia, inoltre, per i nuovi tipi e modelli di famiglia venutisi a costituire.

E' divenuto oramai fondamentale il ricorso a tutti quegli strumenti tesi alla prevenzione ed allo studio delle anomalie e dei guasti che possono minare, a volte irrimediabilmente, il menage familiare. Studi particolareggiati di settore attribuiscono notevole valore e grande significato all’uso della psicoterapia di coppia, od addirittura di gruppo, affinché venga favorita e facilitata la risoluzione delle problematiche familiari.

In tale ottica, l’obiettivo primario dello studio legale Di Pietro, che si avvale dell’indispensabile apporto di rinomati specialisti della psicoterapia, è quello di ricercare un’adeguata risposta ai bisogni, ai malesseri ed alle necessità degli utenti, mediante un approccio serio e consapevole alle diverse problematiche che, quotidianamente, vengono affrontate con professionalità, competenza ed estrema attenzione.